Regime alimentare celiachia e terapia

Domanda:

Buongiorno, a mio figlio di 5 anni è stata da poco diagnosticata la EoE durante la gastroscopia effettuata per accertare la celiachia. Premetto che lui è asintomatico per entrambe le malattie. Il giorno stesso della gastro, 14 giugno, gli è stata prescritta l’assunzione di PPI per tre mesi. Ricevuto, il 6 luglio, l’esito dell’istologica che conferma entrambe le malattie, abbiamo fatto l’incontro con l’equipe per la sola celiachia che ci ha detto di iniziare il regime alimentare per la celiachia. Io ho capito che:

- la terapia con PPI gli è stata prescritta per verificare se mio figlio ha una EoE responsiva dei PPI (altrimenti non efficace come cura dei sintomi della EoE)
- la EoE è l’espressione di una allergia di natura ancora ignota per mio figlio.

Quindi mi chiedo se iniziare un regime alimentare che esclude il glutine e quindi il grano non possa confondere la risposta alla terapia quindi sapere se la EoE eventualmente migliorerà perché del tipo responsivo ai PPI o perché gli è stato tolto l’allergene?

Domande correlate: dobbiamo proseguire con la terapia? Dobbiamo aspettare a iniziare la dieta senza glutine?

Grazie infinite.

Risposta:

Per meccanismi eziopatogenetici comuni, l’EoE e la malattia celiaca possono coesistere e vi sono evidenze scientifiche che dimostrano che la sola dieta priva di glutine effettuata correttamente possa essere terapeutica anche per la EoE. Esistono però pazienti con malattia celiaca ed EoE, asintomatici, che necessitano di terapie aggiuntive, oltre alla dieta priva di glutine, per ottenere una remissione istologica della EoE ( PPI, steroidi, altre diete di eliminazione).

È necessario quindi seguire i suggerimenti di chi si è preso carico di entrambe le patologie, discutendo le opzioni terapeutiche in funzione del caso singolo, e confermando l’efficacia delle stesse a distanza di sei mesi almeno dal loro inizio (scomparsa di eosinofili in esofago, ripristino di integrità della mucosa duodenale).

Comunque, la dieta priva di glutine è indispensabile qualora la celiachia sia stata confermata istologicamente.

dott.ssa Paola De Angelis, MD 
(UOC Gastroenterologia Pediatrica - Ospedale Pedatrico "Bambino Gesù" di Roma)


Ricordiamo che le risposte sono pareri che non hanno valenza di consulto medico e non posono sostituire il colloquio, la visita e l’esame della documentazione medica del paziente.